L’Unione economica e monetaria europea è possibile?

Real Economy è qui con il suo ultimo programma dell'anno. Questa settimana l’attenzione è focalizzata sul lavoro svolto per rafforzare l’Unione economica e monetaria europea.

In questo episodio, Economia Reale copre l'Unione economica e monetaria europea, di cui si è parlato spesso ultimamente. Cosa significa per noi questa istituzione e quali progetti vuole attuare? Quanto è realistico raggiungere questi obiettivi in ​​questo periodo difficile?

Abbiamo rivolto alcune domande a Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea responsabile per l'Euro e il dialogo sociale. I piani riusciranno a risolvere gli attuali problemi economici dell’Europa? Il desiderio della Gran Bretagna di lasciare l’Unione e la crisi dei rifugiati evidenziano ulteriormente gli attuali problemi economici.

risultato migliore per il Regno Unito e l’UE nel suo insieme 4 UK to Stay afferma VDombrovskis</a> on <a href="https://twitter.com/hashtag/Brexit?src=hash">#Brexit</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/deepeningemu?src=hash">#deepeningemu</a> <a href="https://twitter.com/hashtag/realeconomy?src=hash">#realeconomy</a> <a href="https://twitter.com/euronews">euronewspic.twitter.com/vFzSVq6N07

— Maithreyi (@maithreyi_s) 14 aprile 2016

19 paesi in Europa utilizzano la valuta Euro. Ad eccezione del Regno Unito e della Danimarca, anche altri paesi membri dell’Unione passeranno presto all’euro. Circa 60 paesi, in breve, un quarto dell’economia mondiale, depositano le proprie riserve direttamente o indirettamente in euro invece che nelle proprie valute. Per questo motivo è molto importante per noi comprendere i nuovi progetti dell’Unione economica e monetaria europea…

L’Unione economica e monetaria europea è stata istituita nel 1957 per garantire occupazione, crescita economica e stabilità.

In breve, i paesi membri adottano normative economiche e fiscali nell’ambito di questa struttura. La Banca Centrale Europea lavora anche sulle politiche monetarie, lontano dalla politica. In questo modo, altri istituti finanziari dell’Eurozona operano con le stesse regole e lo stesso approccio gestionale. La cosa più importante è che tutti i paesi membri utilizzano la stessa valuta.

Tutte queste normative sono emanate dai governi nazionali e da 5 diverse istituzioni dell'Unione Europea.

Il Consiglio d’Europa regola le leggi.

Il Consiglio e l’Unione Europea determinano quali paesi possono utilizzare l’euro.

EuroGroup coordina questi studi.

I paesi membri regolano i propri bilanci, strutture e politiche.

La commissione osserva se le regole vengono rispettate.

E il Parlamento europeo, insieme al Consiglio, fa le leggi e garantisce che chi dirige l'economia possa essere monitorato dai rappresentanti dei cittadini.

L’economia nell’Eurozona è lenta e ci sono 18 milioni di disoccupati. Questa situazione esercita una forte pressione sui vertici di queste cinque istituzioni che danno forma all’Europa.
Innanzitutto, partiamo da dove siamo adesso.

I capi di queste cinque istituzioni che dirigono l’economia hanno preparato un rapporto congiunto nel 2015 per evitare una nuova crisi e aumentare i poteri dell’Unione economica e monetaria europea.
I lavori sono iniziati in ottobre e la road map è stata divisa in due parti.

Di conseguenza, il primo piano sarà completato nel luglio 2017. Gli accordi esistenti saranno riorganizzati per aumentare la concorrenza e modificare le leggi fiscali a livello nazionale e continentale.

Il secondo piano inizierà nel 2025. Gli accordi verranno rivisti e verranno apportati cambiamenti nelle istituzioni e nei sindacati fiscali, monetari, finanziari e politici. L’obiettivo è arricchire l’Eurozona.

I risultati del primo piano saranno annunciati nel luglio 2016, mentre il prossimo piano sarà annunciato nella primavera del 2017.

euronews: ''È bello invitare Valdis Dombrovskis a Real Economy. È il manager responsabile dell'euro e del dialogo sociale… Innanzitutto parliamo del primo piano. Perché nessuna delegazione fiscale, assicurazione dei depositi e rappresentanti del FMI sono stati ancora annunciati”.

Valdis Dombrovskis, vicepresidente della Commissione europea per l'Euro e il dialogo sociale: ''Prima di tutto voglio fare una correzione. Attualmente la presidenza olandese sta lavorando intensamente su possibili proposte. Tra queste questioni figurano i suggerimenti riguardanti la creazione di un’unione bancaria e di una polizza assicurativa europea. Questa situazione riguarda anche la proposta della Commissione di istituire un comitato fiscale europeo. “Il lavoro su questo tema è già iniziato e la Commissione ha preparato anche il progetto di legge sulla rappresentanza estera nell'Eurozona presso il Fondo monetario internazionale.”

euronews: ''Possiamo fare queste? Perché il 2017 non è una data molto lontana”.

Valdis Dombrovskis: ''Decisamente. Ci impegniamo a rispettare il tempo. Lo scorso dicembre la Commissione europea ha incaricato i ministri delle Finanze di lavorare intensamente su questo tema e di preparare un rapporto entro luglio. “Le raccomandazioni possono anche essere modificate per raggiungere un consenso su questo tema.”

euronews: ''Si dice che in futuro potrà esserci un'unione politica, se necessario. Di cosa si tratta esattamente? “Nessuno ha dato una definizione specifica in questo momento.”

Valdis Dombrovskis: ''Unità politica significa rafforzare il rispetto democratico della legge quando si prendono decisioni in materia finanziaria e fiscale. “Questo problema viene sempre sollevato o criticato.”

euronews: “Quindi questo significa un indebolimento del dominio?”

Valdis Dombrovskis: ''In effetti, il maggiore coinvolgimento dei parlamenti nazionali significa il rafforzamento del dominio. Ciò indica anche che verranno prese più decisioni congiunte e che la condivisione della posizione dominante sarà rafforzata. “Dobbiamo trovare un equilibrio tra posizione dominante e condivisione del rischio.”

Dobbiamo agire rapidamente in questo momento. Fluttuazione economica, disoccupazione e recessione… Tutta questa situazione negativa può essere superata. A ciò si aggiungono la Brexit, l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea e il problema dei rifugiati. Abbiamo analizzato per te i rischi che affrontiamo attualmente.

Man mano che avanzavamo attraverso l’Europa, abbiamo dimenticato il concetto di confine. Tuttavia a Baerle è possibile spostarsi da un paese all'altro. Dipende da quale parte del villaggio vivi. La sovranità è uno dei valori più importanti della vita qui…

Potrebbero esserci differenze in paesi come il Belgio e i Paesi Bassi nell’area dell’euro. Tuttavia, la sfida più grande è unire tutti sotto la stessa idea…

Christine Lagarde, direttrice generale del Fondo monetario internazionale: ''Bisogna lavorare di più sull'Unione bancaria. Dobbiamo trovare un approccio gestionale più armonioso. Dobbiamo anche descrivere accuratamente chi sta facendo cosa in questo campo. “Penso che l'unità politica possa essere raggiunta solo se facciamo maggiori sforzi”.

Questa struttura complessa continua. Solo se iniziamo a trovare un equilibrio tra gli obiettivi di ciascuno stato membro dell’eurozona, potremo raggiungere il consenso.

Daniel GROS, presidente del Centro studi sulla politica europea: ''I paesi non sono disposti a ridurre la loro sovranità. “I politici non vogliono mantenere la loro libertà, e i parlamenti nazionali non vogliono ridurre il loro potere di governo negoziando con il Parlamento europeo.”

La vera difficoltà sta fuori dalla cancellazione degli accordi in questione.

Ci sono quattro elementi fondamentali per realizzare l’Unione economica e monetaria europea. Fiscalità, finanza, economia e unione politica… Tuttavia, è difficile risolvere tutti questi problemi allo stesso modo.

Daniel GROS, presidente del Centro studi sulla politica europea: ''Questo problema è legato alla struttura dell'Europa… Molti dicono 'sì, dovremmo creare questa struttura, perché ne abbiamo bisogno quest'anno'. Nessuno però parla di cosa serviranno queste istituzioni tra 20, 30 o 50 anni. Non è stata fatta molta regolamentazione per quanto riguarda la legislazione fiscale. “Sulla questione dell'unità politica è sufficiente guardare alla crisi attuale… Penso che sia difficile fare qualche progresso oltre alla questione finanziaria”.

È difficile portare un accordo al punto di firmarlo. Innanzitutto, la questione dovrebbe essere accettata su base nazionale, tramite un referendum o in parlamento…
Il secondo problema è rendere giuridicamente vincolanti leggi complesse a livello europeo. Ad esempio, cambiamenti negli accordi…

*Marianne DONY, professoressa di diritto europeo, Università di Bruxelles Libre: ''Per la revisione dei trattati e per alcune modifiche è necessaria l'unanimità degli Stati membri. Inoltre, alcuni stati devono anche indire referendum. “Questa è una situazione davvero difficile.”

Inoltre, altri problemi esistenti in Europa ci fanno dimenticare l’economia e rendono difficile la realizzazione dell’Unione economica e monetaria europea. È molto difficile stabilire connessioni più profonde a questo riguardo. I cittadini europei mostreranno per la prima volta la loro posizione su questo tema nel referendum britannico di luglio.
Il tempo scorre velocemente.

Gli Stati membri non sono disposti a rinunciare ai propri #sovranità è l'ostacolo principale per approfondire #EMU#CEPS Gros, #EconomiaRealepic.twitter.com/8D1gHAdj17

— Guillaume Desjardins (@GuilDesjardins) 11 aprile 2016

euronews: ''La nostra conversazione con Valdis Dombrovskis continua. Ricevi critiche sul fatto che il Consiglio delle imposte non applica molta applicazione? Perché non ha senso avere un Competition Board tra 28 Paesi”.

Valdis Dombrovskis: ''Queste istituzioni saranno create per fornire consulenza. Ad esempio, forniranno raccomandazioni ai governi su questioni quali la performance fiscale e l’ambiente competitivo nei paesi membri. “Quindi saranno ancora i governi e i parlamenti a fare le leggi.”

euronews: ''Gli Stati membri lo accetteranno? Perché la mentalità 'più europea' spaventa un po' la gente.”

Valdis Dombrovskis: ''Se si guarda alle unioni economiche e finanziarie, si vedrà che molto è stato fatto negli ultimi anni in termini di rafforzamento dell'Unione economica e monetaria europea. Ad esempio, gli sforzi per istituire un meccanismo di stabilità in Europa come l’Unione bancaria e il monitoraggio dei movimenti economici e fiscali… La crisi in Grecia ne è un buon esempio… Non si sarebbe potuto fare meglio di così. Sarebbe infatti sbagliato aspettarsi stabilità ovunque nell’Eurozona. Negli ultimi anni è stato fatto un buon lavoro e questo va riconosciuto”.

euronews: ''Le differenze e le fluttuazioni tra le economie costruiscono letteralmente un muro contro il rafforzamento dell'unità. “Come possiamo farlo funzionare?”

Valdis Dombrovskis: ''Purtroppo la crisi economica che stiamo vivendo ha interrotto il rafforzamento dell'Unione economica e monetaria europea e questa motivazione.''

euronews: ''Bisognerebbe prendere nuovamente in considerazione la riconciliazione? Perché presto potrebbero esserci dei cambiamenti per quanto riguarda i trasferimenti fiscali.''

Valdis Dombrovskis: ''Abbiamo già messo in sicurezza la questione dei trasferimenti fiscali tra i Paesi membri con il bilancio dell'Unione Europea e alcune leggi. I presidenti delle cinque istituzioni in questione hanno affermato chiaramente che questo meccanismo di trasferimento non dovrebbe essere percepito come permanente.

euronews: ''Attualmente i cittadini europei seguono con curiosità la Brexit e gli altri problemi legati ai rifugiati. “Come convincere queste persone a rafforzare la struttura dell'Unione europea?”

Valdis Dombrovskis: ''Per affrontare la crisi dei rifugiati o i problemi legati alla sicurezza, abbiamo bisogno di solide basi economiche. Dovremmo anche notare il fatto che i cittadini hanno molti interessi nell’unità dell’Europa. Per questo dobbiamo agire insieme e vedere i risultati riflettersi nelle tasche dei cittadini in termini di sviluppo dell'economia…”

euronews: “Gli inglesi lo accetterebbero?”

Valdis Dombrovskis: “Se i risultati economici saranno migliori per il Regno Unito e per l'Unione Europea, il Regno Unito rimarrà nell'Unione.”

È una conclusione, grazie per la visione #Stagione 3#economiarealeeuronews</a> <a href="https://twitter.com/FannyGauret">FannyGauretGuilDesjardins</a> <a href="https://twitter.com/MonsieurGirafe">Signor Giraffa565video</a> <a href="https://t.co/gdq2893WuD">pic.twitter.com/gdq2893WuD</a></p>&mdash; Maithreyi (maithreyi_s) 14 aprile 2016

È possibile fare clic sul collegamento seguente per ulteriori informazioni sull'argomento:

http://ec.europa.eu/priorities/deeper-and-fairer-economic-and-monetary-union_en

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Popüler Firmalar
Güncel Haberler
Sponspor Bağlantılar: ilkses gazetesi - ilkhaber gazetesi - Bursa Hayat - Yeni Bakış Antalya Haber
marsbahis giriş